Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Share On Linkdin

Aziende e attività commerciali: consigli per un’estate sicura

Aziende e attività commerciali: consigli per un’estate sicura
17 giugno 2015 Run Design

Aziende e attività commerciali: consigli per un’estate sicura

standard

La sicurezza di un’azienda o di un’attività commerciale è particolarmente delicata nei giorni di chiusura aziendale o nei quali l’organico di addetti e dipendenti è limitato. Ad Agosto, soprattutto nel periodo centrale del mese, aumentano i rischi di furto anche nella fascia diurna, soprattutto in zone industriali isolate.
Ciò che è possibile fare:

– Attivare un servizio di vigilanza privata come il monitoraggio allarme con intervento su allarme, che assicuri un intervento sul posto da parte di una guardia giurata armata. La presenza di adesivi “area sottoposta a vigilanza” o “area sottoposta a videosorveglianza” è da considerarsi un deterrente.

– Indipendentemente dalla tipologia (negozio o azienda), è consigliabile fare un inventario delle merci, per rilevare eventuali ammanchi alla riapertura.

– Vetrine: se sono previste esposizioni e showroom, lasciare sempre visibilità all’interno del negozio, perché ciò consente di vedere cosa accade all’interno (ad esempio, se sono in atto tentativi di furto).

– Soprattutto per le aziende di medio-grandi dimensioni, è utile installare un sistema di controllo accessi, che registri tutti gli accessi durante il periodo di chiusura.

– Se un’azienda non effettua una chiusura totale, è possibile parzializzare le zone da allarmare, in modo da consentire la protezione delle aree nelle quali in quel momento non sono presenti lavoratori. In questo caso i dipendenti devono essere opportunamente informati per evitare accessi in zone allarmate e, di conseguenza, falsi allarmi.

– Un sistema di allarme collegato a una centrale di alarm monitoring tutela i collaboratori rimasti sul posto di lavoro (esempio: custodi).

– Evitare i sistemi fai-da-te perché sistemi di sicurezza di bassa qualità o non installati correttamente generano falsi allarmi (rilevatori di movimento installati in zone di passaggio pedonale possono inviare falsi allarmi).

– Verificare che tutti i dipendenti e collaboratori abbiano collocato documenti sensibili nei propri cassetti.

– Mantenere un’adeguata illuminazione degli accessi esterni, degli ingressi e dei locali/uffici. La luce scoraggia i malviventi, che correrebbero il rischio di essere scoperti dai vicini. E’ possibile installare sensori fotosensibili o temporizzati, che si attiveranno al calare della luce del giorno o a orari prestabiliti.

– Anche per le aziende o le attività commerciali, il pericolo non arriva solo dalle intrusioni. L’installazione di sensori di rilevazione congelamento, incendio, fumo, calore, mancanza rete, umidità previene o consente di limitare danni alle proprie merci o a dati informatici. Una sottostima del rischio può esporre a rischi di continuità del proprio business, esponendo l’azienda o l’attività commerciale nei confronti dei clienti o dei fornitori dal momento che non sarebbe possibile far fronti agli ordini.